> Aree di Competenza

CONVIVENZA

I diritti individuali hanno fortemente segnato la morale personale e sociale. È nata così la convivenza in alternativa al matrimonio perché apparentemente priva di diritti e di doveri. I sentimenti si esprimono così nutrendosi della forza quotidiana di rivolersi.

Aree tematiche specifiche

Convivenza
Disegni di Fabrizio Sclavi
  • Rapporti patrimoniali e personali tra conviventi
    Il parziale riconoscimento giuridico attribuito alla famiglia di fatto.
  • Ordine di protezione contro gli abusi familiari e allontanamento del convivente
    Provvedimenti che il giudice adotta per ordinare la cessazione della condotta del convivente che sia "causa di grave pregiudizio all'integrità fisica o morale o alla libertà dell'altro" per impedire il protrarsi di atteggiamenti violenti in ambito domestico.
  • Contratti di convivenza
    Di accordi scritti con cui ogni coppia di fatto può definire le questioni inerenti l' assetto economico-patrimoniale, anche in vista dell'eventuale rottura del rapporto o della scomparsa prematura di uno dei conviventi.
  • Attribuzione patrimoniale in favore del convivente omosessuale
    La possibilità di trasferire una parte del proprio patrimonio (mobiliare o immobiliare), in vita o mortis causa, al convivente eterosessuale o omosessuale.
  • Trust
    Ha lo scopo di blindare un patrimonio per scopi precisi, anche a tutela dei conviventi.
  • Diritti successori
    Diritti che l'ordinamento riserva al convivente more uxorio in caso di premorienza dell'altro.
  • Mobbing
    Il mobbing familiare si sostanzia in ripetute condotte irriguardose assunte da parte del convivente nei confronti dell'altro, fino a farle sfociare in atteggiamenti sprezzanti ed espulsivi, spesso anche pubblici.
  • Stalking
    Lo stalking familiare si sostanzia in un comportamento assillante e invasivo della vita del partner, mediante la reiterazione insistente di condotte intrusive nei suoi confronti che ne condizionano negativamente la vita quotidiana.
  • Rilascio e revoca passaporto dell'ex convivente
    Nel nostro ordinamento se si è genitori di figli minori al fine di richiedere il rilascio o il rinnovo del proprio passaporto è necessario l'assenso dell'altro genitore. In difetto, è necessario rivolgersi al giudice tutelare per ottenere l'autorizzazione sostituiva del mancato assenso dell'altro genitore.
    Ancora il passaporto di uno dei genitori può essere revocato su richiesta dell'altro genitore quando il titolare non è in grado di provare il suo adempimento degli obblighi di mantenimento che riguardino i figli minori.